banner_cloud2

Internet è un indispensabile strumento di lavoro e,  come tale, va governato e regolato nel suo utilizzo  evitando la navigazione impropria su siti proibiti e pericolosi, chat, social network, ecc.

APICELLA SISTEMI propone un innovativo servizio per tutte le SCUOLE:

FlashStart Cloud

Non richiede nessun hard- ware dedicato e funziona interamente in Rete: basta collegare il dispositivo “push-device” e la navigazione è al sicuro.

FlashStart Cloud è indicato per le realtà che necessitano di un filtraggio immediato e semplice, senza costi iniziali. La comoda interfaccia web di FlashStart Cloud, guidata ed intuitiva, rappresenta il vero punto di forza che permette anche ai non esperti il totale controllo delle atti- vità che transitano sulla Rete, offrendo inoltre potenti e complete funzionalità agli utenti esperti ed agli amministratori di rete

 

Specifiche tecniche

Blacklist di sistema

oltre 50 categorie censite, selezionabili ed aggiornate costantemente

Blacklist personali

possibilità di creare liste personali di siti da bloccare o da sbloccare (eccezioni alle blacklist di sistema)

Report

report per categorie e macrocategorie visitate, in tempo reale e schedulato via mail

Push Device

collegamento istantaneo del dispositivo push-device
e funzionamento trasparente in modalità “bridge”. Disponibile in configurazione “Lan + Wifi” e “solo Lan”

Integrabilità

possibilità di integrazione, su specifico progetto, con router ed apparati di terze parti

Notifiche

Possibilità di ricezione delle richieste di sblocco siti
degli utenti direttamente online, con avviso tramite email.

10 anni di sicurezza

FlashStart Cloud è sviluppato grazie alla decennale esperienza maturata con il prodotto “FlashStart Appliance”, utilizzato con grande successo da numerose Imprese, Scuole ed Enti.


text for link
Schermata 2013-06-03 alle 21.33.56

FAQ

E’ necessario un Server o un apparato dedicato?No! La caratteristica di FlashStart Cloud è proprio quella di funzionare interamente online; il motore di scansione dei siti è residente presso i nostri datacenter.

Che cosa devo installare?

E’ necessario collegare al Router l’apparato push-device mediante l’inserimento di un semplice cavo di rete e i tuoi computer navigheranno al sicuro.

Non è richiesta l’installazione di alcun software sui PC.

 

Funziona soltanto sui sistemi Windows?

No! FlashStart Cloud lavora in modalità bridge trasparente, e protegge tutto quello che utilizza la connessione fornita dal Router: personal computer (Windows, Mac OSx, Linux, ecc.) e tablet pc.

 

E’ necessario riconfigurare la rete LAN?

Assolutamente no! FlashStart Cloud funziona in modalità trasparente, pertanto non è necessaria alcuna modifica agli indirizzi ip, alle postazioni, ecc. I PC continueranno a mantenere il default gateway attuale.

 

Protegge anche i computer collegati tramite Wifi?

Certamente! FlashStart Cloud supporta sia le postazioni collegate via cavo Ethernet che interconnesse tramite Wireless.

 

E’ possibile non filtrare un PC?

Sì! E’ possibile selezionare un o più PC che devono essere liberi di navigare senza alcun filtro internet.

E’ necessario disporre di personale qualificato per la gestione?

Assolutamente no! Lo strumento di gestione di FlashStart Cloud è semplice, intuitivo ed immediato.

Si installa in 5 minuti e la gestione è veramente alla portata di tutti. Ed hai a disposizione un servizio di consulenza e supporto dedicato di altissimo livello.

 

La Legge consente il filtraggio di Internet negli ambienti di lavoro?

Certamente! Il Garante per la Privacy addirittura suggerisce l’adozione di filtri Internet in quanto il datore di lavoro non può, per lo Statuto dei Lavoratori e per il codice disciplinare in materia di Privacy, controllare a posteriore i siti visitati dai propri dipendenti.

Il filtraggio preventivo rappresenta l’unica soluzione che il datore di lavoro possiede per prevenire l’utilizzo di Internet non pertinente l’attività lavorativa.

 

I report di navigazione sono regolari per Legge?

Certamente! La reportistica è anonima ed aggregata e mostra l’utilizzo di Internet secondo le varie categorie di navigazione: Tempo libero, siti di Aziende, Social Network, ecc.

Non mostra in alcun modo ne il singolo sito visitato ne tantomeno la postazione che lo ha navigato.

 

La Direttiva Brunetta, per la PA, prevede anche i filtri Internet?

Certamente! La Direttiva 02/09 dell’allora Ministro Brunetta impone ai Dirigenti degli Enti Pubblici l’adozione di sistemi atti a prevenire i comportamenti non consoni l’attività lavorativa su Internet.